Stella (4 anni): Mamma ma tu che lavoro fai?

Veru: Racconto alle persone come possono allenarsi ad essere felici

Stella: E che devono fare? Che gli dici?

Veru: Ad esempio bisogna impegnarsi a sorridere un pò di più, perchè ridere fa bene al cervello!

Stella: Ah ma io questo lo so fare un sacco bene mammy! E poi devi dirgli anche che devono abbracciarsi tanto e darsi tanti baci!

Veru: (rido e penso che veramente abbiamo già tutto dentro di noi)

Stella: E poi? Che altro gli dici di fare?

Veru: Eh, ad esempio devono imparare a lamentarsi di meno, gli dico: stop alle lamentele! Perchè lamentarsi fa addormentare i tuoi neuroni e quelli degli altri…

Stella: Ma questo però è più difficile mamy, devono per esempio smettere di dire: no non mi piacciono gli spinaci, no non voglio mettermi il pigiama, no non voglio  lavarmi i denti…

Veru: Eh lo so ma se ci alleniamo tutti insieme poi diventa più facile no? Tu per esempio se mi senti lamentare dimmelo così ci facciamo una risata!

Stella: e tu dillo a me così vediamo chi vince!

V

Il mio perchè

Stella ha 4 anni, è mia figlia, l’amo più di ogni altra cosa, darei la mia vita per lei. Come sono sicura che ciascuno di voi darebbe la propria vita per i propri figli o per le persone che ama. Nonostante sia un’esperta di felicità e di positività ci sono momenti in cui mi lascio attraversare da pensieri come: speriamo che non le accada mai nulla di brutto, speriamo che nessuno le faccia del male, speriamo che non sia vittima di un atto terroristico, speriamo che… Mi accorgo in quei momenti che la parola che ripeto è: speranza.

Bene, io sono certa che tutti noi, io per prima, possiamo fare molto più che sperare. Possiamo imparare a essere felici, positivi, gentili, compassionevoli e grazie a questo influenzare il resto. Noi possiamo fare.

Veru in a nutshell

Vorrei vivere in una libreria e vorrei che qualcuno inventasse un profumo che sa delle pagine nuove di un libro. Per il 60% del tempo alleno i 19 muscoli che servono per sorridere per il 40% mi lascio attraversare da tutto quello che mi passa nelle vene sotto forma di emozioni e pensieri. Mi piace l'ordine perchè lo trovo bello, mi piace passeggiare, tenere per mano Stella e farle il solletico. Mi piace guardare l'uomo che amo e pensare che mi innamorerei ancora di lui ogni istante. Telefono a mia madre tutti i giorni perchè la tengo sott'occhio con amore e infinita gratitudine e quando la saluto lancio un bacio anche a mio padre…perchè altrimenti a che servono le figlie femmine? Ho vissuto in tante città e ogni volta che ci ritorno mi piace sentirmi vicina e lontana da quei luoghi, sono nata al mare ma adoro la montagna in ogni sua forma ed espressione. Mi piace cucinare ma soprattutto per gli amici, mi piace studiare, imparare, incontrare l'altro tra le righe e le parole. Mi piace l'estate, il sole e andare in bici ma anche dormire quando fuori piove e accorgermi che ha nevicato dal silenzio che avvolge tutto. In primavera, autunno ed estate mi piace svegliarmi alle 5.00 e fare yoga, meditare, leggere, guardare in quali case le luci sono già accese immaginandomi chi ci vive (d'inverno invece penso: ma chi me lo fa fare….e inverto tutto). Ho poca pazienza ma ci sto lavorando, non ho ancora trovato un parrucchiere da adorare, vorrei avere un gatto prima o poi, una stanza tutta per me piena di libri (quello si è capito) e di un tavolo da lavoro per pasticciare con colori, legno e tutto il resto. Mi piace far colazione fuori, non mi ricordo mai i nomi degli attori, le date, i compleanni, di bere l'acqua e sistemarmi le sopracciglia. Mi piacerebbe saper suonare, cantare, disegnare e cucire. Sono e sarò sempre una mamma, un figlia, una sorella, un'amica.

C'è un tempo per ogni cosa, fai spazio e goditela il più possibile, sempre!

Per esplorare meglio il mio profilo professionale per fortuna hanno inventato linkedin