Ti racconto chi sono

Sono una persona che regala da 20 anni Pensieri Felici sottoforma di biglie, sia nella vita privata che nel lavoro. Sono una Formatrice ed una Trainer di Respiro Consapevole oltrechè un Tecnico della Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro. Svoglo queste 3 attività apparentemente scollegate tra loro integrandole, anche attraverso i percorsi di Couseling ad indirizzo Voice Dialogue e di Problem Solving e Coaching strategico Giorgio Nardone Model's. Mi occupo di Benessere organizzativo e della persona attraverso corsi e percorsi sia di gruppo che personali, come il Teatro delle Voci, Il problem solving emotivo, ecc. Dal 2012 propongo corsi di formazione in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro integrati con le tecniche di Respiro Consapevole e comunicazione. La gestione del proprio benessere permette di lavorare in sicurezza. Dal 2014 conduco gruppi di HappyBreath che permettono alle persone di migliore il loro benessere fisico, mentale e spirituale sempre con il sorriso, lavorando sia con il corpo che con gli stimoli mentali. Dal 2019 propongo Pillole di Felicità e HappyBreath per colorare il nostro cervello di chimica positiva, creatività e problem solving.

Le cose che mi riescono proprio bene

# Scienza della Felicità
# Respiro Consapevole
# Pensieri Felici
# Sicurezza sul lavoro
# VoiceDialogue                                                                                                             

# Benessere organizzativo


Diffondere Pensieri Felici, Respiro Consapevole e Gratitudine nella quotidianità di ogni persona, organizzazione, scuola, luogo e con il più piccolo gesto creare un soffio ed un'onda di felicità che vibra in tutto il mondo

Il progetto a cui ho dato vita come Genio Positivo®


ACCENDI IL CERVELLO PER PERCEPIRE IL RISCHIO

Il prototipo ha l'obiettivo di iniziare a testare la visione della scienza della felicità applicata e integrata alla safety aziendale. Dove non percepire un rischio può generare una sottovalutazione dello stesso, ma la sicurezza, la cui etimologia è SIN_CURA = senza preoccupazione è anche il concorrrere ad un benessere più altro che va oltre non morire o non infortunarsi al lavoro, ma all'idea che se sto meglio, se genero Benessere ed "accendo il cervello", mi farò meno male, lavorerò meglio e vivrò meglio. Quando sollecitiamo il cervello Rettiliano e per cui una risposta Reactive rispetto ad una risposta Responsive riduciamo la percezione del rischio e dell'altra, allenando la risposta responsive del cervello alleno la Resilienza a percepire il rischio. Nel tempo a disposizione durante il workshop ho lavorato con esperienze, piccole pratiche, seminando un piccolo seme verso un obiettivo più grande sul fare focus, su come la perezione ed il lavoro sulla percezione può essere uno strumento per aiutare le persone a comprendere che applicando questo si alllena la felicità come competenza, sulla percezione sul cosa mi fa stare bene e cosa invece può generare del danno. Lo scopo è introdurre e creare continutià nella sicurezza e salute dei lavoratori sul lavoro rispetto al prendersi cura, generare benessere, come strumenti di safety che aumentano il benessere aziendale, le performance e riducono come conseguenza gli infortuni ed il danno alla salute delle persone. Durante il workshop abbiamo sperimentato buone pratiche di Felicità e Sicurezza, con l'obiettivo di crearne tante altre insieme a tante altre organizzazioni, lavoratori, studenti, persone.

Alcuni spunti di riflessione da cui sono partita: Educazione interattiva di miglioramento della percezione del rischio attraverso la gestione dello stato emotivo e del corpo – Le neuroscienze ci raccontano che le aree del nostro cervello si colorano quando sono attivi i canali legati alla creatività e diventano grigie quando sono spente ed attiviamo una chimica della negatività. Quante volte abbiamo sentito la frase “Abbiamo sempre fatto cosi!”, “Tanto non cambierà mai niente!”, oppure una serie di lamentele? Tante… e sappiamo molto bene che queste frasi in tema di sicurezza sono molto pericolose! Queste frasi colorano di grigio le aree del nostro cervello e lo rendono meno pronto a rispondere ad eventuali pericoli o rischi o a gestire lo stress. Il workshop proposto è suddiviso in due parti, una teorica introduttiva e l’altra pratica/esperienziale con esercizi. L'introduzione approccia la "Scienza della Felicità" ed illustra i vantaggi della "Chimica Positiva", con particolare focus al tema della Salute e Sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro. La parte pratica contempla alcuni allenamenti per dire “STOP alla LAMENTELA “ e un processo di problem solving emotivo (attraverso Il Respiro Consapevole) e di chimica positiva che ci permette di gestire meglio lo stress, affrontare i tempi quotidiani, creare relazioni costruttive con i colleghi, collaboratori. Gli esercizi avranno carattere molto interattivo ed esperienziale, affinchè i partecipanti si portino a casa uno strumento da utilizzare sia nell’ambiente lavorativo che personale. La Felicità è una competenza, e come tutte le skills si può allenare attivando i recettori che abbassano lo stress e ci aiutano a performare meglio. Per passare dalla modalità Reactive alla modalità Responsive del nostro cervello e come diceva Lao Tze.”Ogni viaggio parte con il più piccolo passo”. – Il workshop viene proposto nelle organizzazioni per le giornate di SafetyDay oppure come modulo di aggiornamento lavoratori e è inseribile nella formazione specifica nella trattazione di alcuni rischi quali lo Stress Lavoro Correlato, il rischio Organizzativo, e per tutti i rischi salutistici. Quali competenze sviluppa: Gestione dello Stress, Percezione del rischio, Problem Solving

A quale bisogno risponde e a chi si rivolge?

Il bisogno è quello di lavorare in ambienti di lavoro positivi perchè questo permette di ridurre il numero di infortuni e soprattutto mancati infortuni. La gestione dello stato emotivo permette di usare in modo efficace le nostre energie in situazioni di emergenza ed in momenti di picco lavorativo. Lavorare con maggiore sicurezza migliora le performance aziendali sia in termini di Capitale sociale che di Capitale economico.

Il mio prototipo si rivolge quindi a tutte le persone che svolgono la propria attività lavorativa sia in un organizzazione sia in libera professione. Lavoratori dipendenti e liberi professionisti, Aziende di piccole, medie e grandi dimensioni, Dirigenti, Manager, Preposti, RLS, Responsabili e Addetti Servizio Prevenzione e Protezione, Formatori e Formatori della Sicurezza sul Lavoro, Auditor interni ed Esterni

Che competenze sviluppa?

#Gestione delle Stress #Problem Solving #Scienza della Felicità #Percezione del Rischio #SafetyLeadership

Approfondimenti

Scarica alcuni approfondimenti utili per comprendere meglio il progetto


Elena Dominici

Genio Positivo®

mail: elena.dominici1@gmail.com