Privacy Policy

IL MODELLO TEORICO


La Felicità è un Processo


Step 1

Cos'è la felicità?

Step 2

Cosa ostacola la felicità?

Step 3

Cosa ti rende realmente felice?

Step 4

Cosa puoi fare per essere felice ora?


Coltivare la Felicità è Possibile. Non basta però dire “Voglio essere felice” per riuscire ad esserlo, perché la Felicità non è qualcosa che possiamo comprare, aspettarci di vincere alla lotteria o che qualcuno che amiamo può regalarci. 

La Scienza della Felicità ha dimostrato che è un’abilità che dipende dal nostro controllo, perché ha a che fare con la nostra visione del mondo, con i nostri schemi d’interpretazione della realtà, i pensieri, le emozioni e le reazioni che abbiamo nei confronti dell’ambiente esterno e degli eventi della vita.

gear    La Felicità è una Scelta e richiede Metodo

Per supportare le persone in questo percorso fatto di nuove conoscenze da apprendere“schemi disfunzionali” da disimparareallenamento e pratica, determinazione e impegno, 2bHappy ha sviluppato un modello teorico scientificamente solido, congruente, interdisciplinare.

 Gli Elementi Distintivi del Modello Teorico e del nostro Approccio


Basato sulla Scienza

In particolare sulla psicologia positiva e le neuroscienze, che ci aiutano a capire come funzioniamo e i meccanismi che regolano i processi emotivi e mentali alla base dell’apprendimento, del cambiamento, dello sviluppo

Circolare

Come la natura del processo di apprendimento dell’uomo (che necessita di trasformazioni ripetute, infiniti giri) e che in definitiva è uguale alla natura della realtà (ciclica, in continuo cambiamento).

Trasformazionale

Capace di favorire, attraverso la pratica, il ri-modellamento degli atteggiamenti mentali ed emotivi, eliminando quelli disfunzionali e sostituendoli con quelli idonei al raggiungimento della felicità.

Integrato*

Dal punto di vista disciplinare, integra armonicamente tradizioni filosofiche orientali e occidentali, scienze hard e soft, pratiche spirituali laiche e religiose – perché siamo tanti, diversi e ognuno può e deve trovare la sua via di conoscenza, il suo linguaggio. E’ inoltre integrato dal punto di vista della natura dell’uomo, che consideriamo nel suo complesso (pensieri, emozioni, corpo, spirito), e della realtà, aderendo al principio di interconnessione che ci vede in relazione con gli altri, la natura, l’intero universo.

Orientato all’azione

Pragmatico, perchè la felicità si pratica. Accanto alle risorse di conoscenza e di tipo cognitivo, di cui abbiamo bisogno per “risvegliare” la nostra consapevolezza, allargare la mente e predisporla alle possibilità, quello che proponiamo sono soprattutto attività, esperienze (anche “fisiche”), soprattutto nella dimensione sociale, non solo perché facendo si sedimenta l’apprendimento, ma perché stiamo parlando di felicità di vita, dunque dobbiamo “vivere” la felicità.

*Il nostro approccio integra i punti di vista di scienze consolidate (neuroscienza, psicologia positiva, biologia, economia, management e intelligenza emotiva), scienze emergenti (PNEI, epigenetica, fisica quantistica), della filosofia occidentale e di alcune tradizioni orientali (buddhismo tibetano del Dalai Lama e yoga) sulla salute mentale, la felicità e il benessere umano.
Il buddismo tibetano del Dalai Lama, così come lo yoga, possono essere definite delle vere e proprie Scienze “Mentali”. Al di là dei loro fondamenti e della loro origine in tradizioni spirituali orientali, offrono pratiche e metodi assolutamente pragmatici, applicabili anche per noi occidentali, indipendentemente da qualsiasi credo o confessione religiosa, supportati da basi fisiologiche che le recenti scoperte neuroscientifiche e le moderne scienze del comportamento umano (psicologia positiva, intelligenza emotiva) stanno confermando. 
Il punto di vista “filosofico” ci consente di arricchire la cornice di “senso” nella quale inscrivere i contenuti della delicata materia che trattiamo (l’uomo, la sua natura e il senso dell’esistenza), ma soprattutto di fondare il metodo per la ricerca della felicità sullo strumento per eccellenza maggiormente in grado di operare il “risveglio” delle risorse interiori e la riflessione critica: le domande!

Per approfondire come l’argomento felicità è stato discusso e trattato nell’ambito di discipline apparentemente distanti, vai alle aree: